15 Set 2020

Novità da Libreria Antiquaria Coenobium

AA.VV. Il Parco Nazionale del Gran Paradiso. Voll. 1, 2, 3, Torino, Tipografia Sociale Torinese, 1925

3 volumi in 8 (cm 19,5 x 26, primo volume; cm 19,5 x 28 circa, secondo e terzo volume), pp. 110 + (2) con 1 tavola fuori testo con schizzo cartografico del parco, 53 illustrazioni e riproduzioni fotografiche; 112 + (4) con una tasca finale con 2 grandi cartine piu’ volte ripiegate, riproduzioni fotografiche in bianco/nero intercalate al testo; 152 + (4) con una tasca finale con 3 grandi cartine piu’ volte ripiegate, riproduzioni fotografiche in bianco/nero intercalate al testo. Il secondo volume presenta fioriture alle pagine, gore ai piatti e aloni ai margini di alcune pagine. Dedica manoscritta al primo foglio del primo volume. Brossura editoriale. Rara raccolta, completa dei tre volumi e delle carte, dedicata al Parco Nazionale del Gran Paradiso: il primo pubblicato nel 1925, il secondo privo della data di stampa, il terzo pubblicato nel 1932 a cura della Commissione Reale del Parco. Scritti di Giorgio Anselmi, Oreste Mattirolo, Enrico Festa, Federico Sacco, Piero Giacosa, Luigi Cibrario, Ugo Beyer.

200 euro

Courmayeur m. 1224 e Catena del M. Bianco (Fotografia originale), Bottega alpina, 1930

Fotografia originale ai sali d’argento, cm 64 x 24, timbro a secco della Bottega alpina Courmayeur. Con velina che riporta a stampa i profili del massiccio e dettagliatissime indicazioni topografiche, altitudini ecc. Macchi d’inchiostro al margine inferiore della fotografi.

150 euro

Piero Giacosa, Sulle acque minerali di Courmayeur. Appunti storici ed analisi chimica batteriologica, Torino, Unione Tipografico-Editrice, 1899

In 8 (cm 16 x 24), pp. 16. Brossura editoriale. Estratto editoriale da ‘Il Giornale della Reale Accademia di Torino’. Saggio di analisi chimica sulle acque di Courmayeur. Piero Giacosa (Ivrea, 1853 – Colleretto Parella, 1928), fratello del commediografo Giuseppe, fu docente di materia medica e farmacologia all’Universita’ di Torino, fu studioso in particolare della Scuola medica di Salerno. Si laureo’ a Torino, specializzandosi in seguito a Roma, Berna e Strasburgo. Oltre agli studi di carattere scientifico, pubblico’ anche saggi storici e sulla montagna. Fu grande amico di Antonio Fogazzaro di cui scrisse. “La sua natura vitale produceva un singolare assemblaggio di rigore scientifico e creativita’ artistica…”. Aveva seguito i corsi di Antonio Fontanesi all’Accademia Albertina di Torino e l’associo’ ai suoi studi di botanica e di passione per la montagna, acquisendo anche fama di illustratore delle bellezze naturalistiche. Nei romanzi e nelle novelle il tema scientifico si mescolava a quello per la fede religiosa. La passione per la montagna si esplico’ soprattutto in Valle d’Aosta dove si costrui’ una dimora a Cogne.

80 euro

Fotografia

Nicola Vigna, L’alpinismo nella pittura; Etnografia; Organizzazione delle guide e portatori del Club Alpino Italiano, Torino, Officine Grafiche della S.T.E.N., 1913

In 4 (cm 24 x 34), pp. 16 + (2) con riproduzioni fotografiche di quadri in bianco/nero intercalate al testo e 1 tavola all’antiporta; 15 + (1b) con 1 tavola all’antiporta e riproduzioni fotografiche in bianco/nero intercalate al testo; 7 + (1b) con riproduzioni fotografiche in bianco/nero intercalate al testo. Dedica autografa alla Brossura editoriale. Tre parti consecutive, ciascuna con frontespizio autonomo, estratto editoriale da “L’opera del Club Alpino Italiano nel primo suo cinquantennio 1863-1913”, con articoli sulla pittura di montagna (citati i pittori A. Balduino, M. Viani, G. Perotti), sull’etnografia (con piccole riproduzioni fotografiche di costumi tipici di Formazza, Gressoney, Valsoana, Bardonecchia, Groscavallo, Campello, Val Masino, Clitumno, Scanno), e sull’organizzazione delle guide alpine.

100 euro

Ettore Moretti, Milano. Tende da campo, padiglioni smontabili, materiale per campeggio, sacchi alpini… Catalogo, Milano, Tipografia Rozza di Corbella, 1935

In 16 (cm 24 x 16,5 circa), pp. 84. Brossura editoriale con illustrazione di Boccasile al piatto anteriore. Bel catalogo non datato, ma ascrivibile al 1935 circa, dei prodotti di questa ditta specializzata nella vendita di tende da campo, padiglioni smontabili, materiale per campeggio, sacchi alpini, ecc… Molte foto in bianco/nero nel testo di svariati modelli di tende fra le quali: tenda Milano in servizio all’aeronautica; tende Lombardia, Romagna e Toscana (in uso nelle colonie fasciste dei Figli italiani); tenda Lazio e tenda Comando di regione (con immagine di tutte le tende montate nel campo Dux 1934 dell’opera Balilla), tenda Campania montata nel campo interprovinciale di Trens (Bolzano) dell’Opera Balilla, tenda Umbria, tenda Valdagno, tenda Abruzzo, Tevere, Emilia, tenda padiglione Firenze, tenda ‘centuria’, tende capanna Pescara e Gardone, tenda da campo Cervino, tende Lanzo e Susa, Dolomiti e Majella, Adamello, Monviso, tende piramidali Monza e Como, tende bivacco Resegone e Bisbino, tenda alpina Monterosa, tende Caucaso e tenda polare, tende coloniali, Cheren, Mogadiscio, Massaua, Azizia, Asmara, Congo, Gondar, ecc…

150 euro